lunedì 25 marzo 2019

Milazzo. ViviCittà Carnet dell'Ospite 2019, Ecco le Novità


Una città da Scoprire. Ritorna ViviCitta' Milazzo Carnet dell'Ospite 2019/2020. Si rinnova l'appuntamento con il Carnet dell'Ospite per la città di Milazzo.

Anche quest’anno con l'arrivo del primo sole e dei profumi primaverili, arriva il Vivicittà Milazzo Carnet Dell’Ospite partner ViviMilazzo. In fase di presentazione la stampa la nuova veste grafica 2019 con un nuovo formato, sempre in fase di aggiornamento e novità.

"Ricordiamo che la pubblicazione - spiega Gianni Gambuzza - viene distribuita tutti gli anni a partire dalla seconda decade del mese di Giugno. Una brochure turistica ideata e promossa in collaborazione con realtà locali per svolgere attività di promozione turistica, culturale e d' immagine della città mamertina."

"Una città da scoprire - continua Gambuzza - intesa in modo diverso dal passato, dobbiamo scoprire Milazzo dalla negatività, da una cappa che, troviamo sulla nostra città da molti anni che ha portato solo problemi ed effetti negativi sull'economia del territorio"


IL CARNET 2019
La pubblicazione redatta in italiano, inglese e siciliano, si ripresenta al suo dodicesimo anno con una nuova veste grafica e un formato accattivante, mantenendo sempre al suo interno una dettagliata serie di informazioni sulla nostra cittadina da "scoprire", dai principali luoghi di interesse storico e religioso alle sagre ,dalle ricette tipiche ai modi di dire, dai numeri utili alle curiosità,dalle manifestazioni alle notizie storico-geografiche.
Nella stessa pubblicazione inoltre sono messe in evidenza, le attività commerciali leader che contribuiscono a rendere la nostra cittadina sempre più “a misura di turista” ed in allegato è inserita una accurata e dettagliata cartina della città. Ricordiamo che il carnet conterrà parte delle notizie che sono ampliamene evidenziate sul nostro sito www.vivicittamilazzo.com dove troverete in forma più estesa le rubriche con foto,aneddoti, indovinelli ricette etc.

LA DISTRIBUZIONE 2019
Per una diffusione capillare, viene distribuita gratuitamente presso il circuito degli associati ed inoltre presso aziende di promozione turistica, agenzie di viaggio, aziende di collegamento marittimo, alberghi , B&B , villaggi turistici , luoghi di ritrovo , ristoranti e pizzerie.

IL PROGETTO 2019
Nei tanti anni di storia della Città di Milazzo crediamo che questa sia la prima pubblicazione rivolta esclusivamente a tutti i turisti. E' con vero piacere quindi che promuoviamo questo carnet realizzato con la collaborazione delle attività territoriali che credono nell'ospitalità, valore che ha radici profonde nella nostra comunità.
Poiché uno dei nostri compiti è ancor oggi quello di conservare e valorizzare il patrimonio, non solo fisico, ma anche sociale e culturale, che ci è stato lasciato in eredità, siamo lusingati nell'offrire agli ospiti, insieme ai nostri paesaggi, alle nostre opere, ai nostri prodotti, il frutto del millenario e sapiente lavoro dei nostri antenati: il dono dell'ospitalità, frutto anch'esso della nostra storia e delle nostre migliori tradizioni.
Ringrazio le aziende presenti all’interno del carnet per la loro consolidata fiducia,e tutti coloro che hanno reso possibile la realizzazione dello stesso.

IL CENTRO STORICO
Il progetto ViviCittà è ben più ampio di quello che può sembrare. L'obiettivo principale è sviluppare il centro storico, negozi, strutture ricettive e food per riuscire a far rinascere il centro della città da anni in decadenza totale da tutti i punti di vista. 

Per informazioni, chiarimenti,correzioni : info@vivicittamilazzo.com
www.vivicittamilazzo.com

Ufficio Commerciale
VivicittàMilazzo
Carnet dell’Ospite
Promozioni & Marketing

Eventi, news e consigli per lo shopping a Milazzo.
Segui la pagina facebook ViviMilazzo

domenica 24 marzo 2019

Milazzo. Tornano le Belle Giornate, 'Ngonia Tono Presa d'Assalto

Tono di Milazzo. Esplode la "Tonomania" e esultano i titolari dei locali, ristoranti lidi e bar del lungomare dove, dopo ogni fine settimana, sembra di essere già ad agosto inoltrato. 

Affluenza boom da vero record per i giovani del comprensorio che si ritrovati nella zona più suggestiva di Milazzo per trascorrere i week-end all'insegna del relax e divertimento. Le caratteristiche dei giovani che si ritrovano all'Ngonia del Tono tipo sono fra le più svariate. L'età varia infatti dai 16 ai 40 anni. Seduti per a prendere il primo sole di primavera e per trascorrere il pomeriggio in compagnia, all'insegna di un cocktail accompagnato da buona musica e dal colore dell'estate ormai alle porte, oppure di una semplice passeggiata sul lungomare.

Con l'arrivo delle belle giornate, le attività da qualche anno inaugurate ripartono con gli aperitivi e coktal, contribuendo a rendere nuovamente vivi i pomeriggi e le serate in riva al mare a base di musica. Gli ingredienti sono fatti di ben poche cose, ma il successo del Tono di Milazzo che, tra qualche giorno, vive e lavora di pomeriggio fino a tarda notte è ormai confermato da qualche anno. Per gli operatori del settore, lidi balneari e le attività di ristoro come il "Marilyn La Disco" sono partite le prove generali in attesa dell'afflusso più consistente previsto soprattutto per luglio e agosto. 

Ci si sta organizzando con grosse novità, per le quali i titolari dei locali della zona del Tono di Milazzo non si sbilanciano e non preannunciano nulla. Il pensiero cade naturalmente alla coreografia dell'Ngonia che quest'anno si prevede più ricca e soprattutto più organizzata. Nel frattempo, non si ferma l'organizzazione del ristorante pizzeria "Marilyn La Disco" dell'imprenditore e Dj Ninni Cianciolo con serate organizzate e ospiti vip.

Anche i lidi tra qualche giorno apriranno la stagione estiva, con servizi come ombrellone, sdraio e musica in spiaggia per animare le giornate in riva al mare. Strutture balneari pronte per l'estate 2019 come lo Stone Beach con aperitivi e musica, il Lido Baia del Tono con i cocktail e l'Horizon di recente costruzione.  

Si prospetta un estate 2019 calda, con musica all'aperto, lidi balneari, pizzerie e ristoranti aperti fino a tardi.



Live Streaming Calcio, Milazzo SSD1937 - Patarne








DIRETTA TV

sabato 23 marzo 2019

Shore Milazzo. Questa Sera il Violinista Internazionale Andrea Casta

Milazzo - Il ritorno di Andrea Casta allo Shore, violinista e cantante, nasce in Lombardia e studia violino al conservatorio Luca Marenzio di Brescia. Nel 2002 si trasferisce a Roma e fa il suo esordio nel mondo dello spettacolo nel cast di “Domenica In“. 

Questa sera, sabato 23 marzo, sarà nuovamente in scena allo Shore di Milazzo, locale di riferimento per la nightlife siciliana. Andrea Casta, tra i protagonisti del musical “Fame – Saranno Famosi”, ha presentato programmi televisivi su Raidue, Raisat e Sky ed è diventato uno dei protagonisti della night life.

Negli ultimi anni ha avviato una collaborazione con i migliori dj internazionali e la sua anima di globe trotter lo ha portato ad essere un portavoce dello stile italiano all’estero: con il suo violino elettrico è protagonista nei maggiori festival e nei locali di tendenza toccando ormai più di 20 nazioni in tour, esprimendosi nei diversi ambiti della musica elettronica: House, Techno, Edm, Lounge, Deep.

Andrea si è esibito nei locali notturni di mezzo mondo: dal 2010 compie circa un tour all’anno in Medio Oriente, dove ha suonato a Dubai, ad Abu Dhabi, in Bahrein, in Israele, in Libano e in Qatar. Altre mete largamente esplorate sono le Repubbliche ex-sovietiche: Russia, Ucraina, Kazakistan, Turkmenistan. Nel 2015 ha compiuto un tour estivo che lo ha portato in Turchia, Grecia e Azerbaijan, insieme ad occasioni che lo hanno portato a Mauritius, Seychelles, Egitto e Spagna. Anche i club dislocati nel nucleo centrale dell’Europa lo hanno ospitato: da Berlino ad Amsterdam, da Nizza a Londra, dalla Svizzera alla Croazia per arrivare fino a Repubblica Ceca e Romania.

Le continue esibizioni di Andrea con i migliori dj in Italia e all’estero lo hanno spinto ad entrare nel mercato della musica dance con le sue produzioni originali, nate appunto da queste collaborazioni. Le prime canzoni sono pronte ad essere pubblicate nei primi mesi del 2018, sotto la regia di North Border Group, un management norvegese che annovera nel suo roaster dj e artisti internazionali di successo nel mercato della musica elettronica e dance.

La produzione si comporrà di brani collegati tra loro in un racconto unitario, un progetto multimediale dal titolo “The Space Violin”. L’obiettivo è valorizzare le potenzialità del violino elettrico, dell’archetto luminoso e delle capacità sceniche sviluppate negli anni dall’artista.

Questa sera non si può mancare, Shore Milazzo.


SABATO 23 MARZO - SHORE MILAZZO
WELCOME TO THE JUNGLE

-Special Guests Performers
Live Electric Violin Andrea Casta
Drums & Percussion Alessio Alex Donati

-Dj Set
Guest DJ Mark Sunset
Resident DJ Antonio Napoli



venerdì 22 marzo 2019

Capo Milazzo. Area Marina Protetta, alla Ricerca di Associazione

Pubblicato l’avviso per individuare l’associazione da inserire nel Consorzio dell’Amp

Il dirigente del 4° settore di palazzo dell’Aquila, Tommaso La Malfa ha pubblicato oggi la manifestazione di interesse rivolta a tutte le associazioni riconosciute dal ministero dell’Ambiente per aderire al costituendo Consorzio per la gestione dell’area marina.

L’adesione quale socio al Consorzio comporterà il versamento dell’importo di 2500 euro quale quota di costituzione pari al 25 per cento del capitale sociale e poi il successivo versamento di una quota sociale di 3000 euro a titolo di contributo annuale di spese di gestione.

I soggetti interessati dovranno presentare richiesta entrò venerdì prossimo - 29 marzo - alle 12, corredandola di una serie di documenti tra i quali una proposta gestionale che tenga conto degli obiettivi della Riserva.

Una commissione provvederà alla valutazione delle istanze presentate assegnando dei punteggi.

A quel punto potrà procedersi alla formalizzazione del Consorzio che deve avvenire con delibera di consiglio comunale.

Milazzo. Molini Lo Presti, Operatori Porto d'Accordo al Recupero

Operatori del porto concordi all’intervento di recupero dei Molini Lo Presti assieme all’Autorità portuale

Operatori marittimi e portuali concordi con la proposta del Comune di Milazzo di avviare un partenariato con l’Autorità portuale per il recupero dei Molini Lo Presti da destinare a porta del mare. Il via libera a formalizzare nei contenuti l’idea lanciata dal sindaco Formica è venuto ieri nel corso di una riunione tenutasi a palazzo dell’Aquila alla quale hanno partecipato anche la Capitaneria di porto, la Camera di Commercio. Presente anche l’ex sindaco Nino Nastasi che è stato l’amministratore che ha acquistato i Molini e avviato la proposta della “porta del mare” attraverso lo studio fatto redigere all’ing. Pagliara.

Il sindaco Formica e l’assessore Torre in apertura di incontro hanno spiegato che la questione Molini Lo Presti con l’Autorità portuale è stata avviata in occasione del dibattito in Comitato portuale sul piano triennale delle opere pubbliche marittime quando è stato fatto notare che gli interventi dell’Autorità portuale nella città del Capo non possono “essere parcelizzati, ma rientrare in una logica più ampia di pianificazione e di sviluppo della città”. Da qui la proposta di una collaborazione per il recupero dei Molini. 

«L’idea di fondo – ha detto Formica – non è quello di far acquistare l’opificio all’Autorità portuale, cosa non possibile, ma di assegnarlo attraverso una formula, penso un comodato articolato come tempistica sulla scorta dell’investimento sostenuto per il recupero dell’immobile ed il suo riutilizzo. È nostra intenzione formalizzare il tutto con un provvedimento di giunta da sottoporre poi all’Autorità portuale.

Nei vari interventi degli operatori l’idea è stata vista positivamente anche se - è stato sottolineato - occorre conoscere i contenuti dell’intervento e a quel punto confrontarsi in modo concreto. L’ex sindaco Nastasi ha spiegato che la filosofia del progetto Pagliara è quella di accogliere i vari uffici (Capitaneria di porto e altri) ai Molini prevedendo anche una stazione marittima e tutti gli altri servizi per il turista. Ma è anche opportuno che la sede della struttura che gestirà l’Area marina protetta sia prevista ai Molini.

Il dirigente della Libert Lines, Nunzio Formica ha pure giudicato importante che ci si attivi per “rivitalizzare l’area portuale” visto l’incremento dei traffici turistici e la concorrenza di altre località vicine. «Non possiamo essere la città delle occasioni perdute o del giorno dopo» – ha concluso; mentre il comandante Arena della Capitaneria di porto ha tenuto a sottolineare che in atto i locali di molo Marullo – che il Comune vorrebbe liberare per assegnare una funzione turistica, sono oggetto di un contenzioso che vede nell’attuale grado di giudizio il Comune soccombente. 

Il presidente della Camera di Commercio, Ivo Blandina ha plaudito all’iniziativa sottolineando che è opportuno sostenere tutti gli sforzi affinché il porto di Milazzo, fermo restando l’attività commerciale dovrà consolidare il proprio ruolo turistico attraverso l’offerta di spazi per il diportismo di lusso ed i mega yacth . Un contributo è giunto anche dai rappresentanti del Comitato grande porto, Matteo Di Flavia e Mario Sciotto i quali hanno ribadito che il rilancio del porto passa da tre variabili: potenziamento delle banchine, dragaggio dei fondali e soprattutto realizzazione di una viabilità dedicata.

Riserva Marina di Capo Milazzo, MAN ONLUS: "Vigileremo"


Nasce oggi la Riserva marina di capo Milazzo

Con la primavera è arrivata la Riserva Marina di Capo Milazzo, una nuova speranza per la città mamertina, il comprensorio del Mela e tutto il territorio circostante.

Anche se mutilata sensibilmente rispetto alle previsioni originarie dell’ISPRA, in abbinamento al Piano Paesaggistico dell’Ambito 9 potrà costituire, se ben gestita, un volano per un futuro basato sul mare, sulla natura, sul paesaggio e sui beni culturali, di cui il territorio è ricco.

Dato che non è stato ancora costituito, è necessario pensare con urgenza al Comitato di Gestione, previsto nello statuto del Consorzio che dispone che i suoi componenti debbono avere “comprovata esperienza tecnica ed amministrativa ed economica in materia di aree naturali protette e biodiversità, nella salvaguardia della natura e dell'ambiente e/o nella gestione di consorzi” .

Vigileremo sul rispetto di questa norma e sollecitiamo il Comune, l’Università di Messina e l’Associazione Mare Vivo a dare piena e celere attuazione allo statuto del Consorzio, oltre che alle finalità istitutive della tanto attesa area protetta. 


Riceviamo e pubblichiamo
COMUNICATO STAMPA
MAN ONLUS
Gianni Mento

giovedì 21 marzo 2019

Blocco Impianti RAM. MeetUp Valle del Mela, Consiglio Comunale Aperto

CS MeetUp Valle del Mela - CC aperto San Filippo del Mela, fatti risalenti al blocco impianti RAM

Martedì 19 marzo si è svolto un Consiglio Comunale aperto (evento alquanto raro e per questo andava sponsorizzato al meglio vista la vocazione di questa amministrazione per pubblicizzare feste e festini) il punto all’ordine del giorno “fermata di alcuni impianti di produzione della Raffineria di Milazzo in data 24 febbraio 2019 e inquinamento in genere.

Premesso che ci saremmo aspettati una più ampia partecipazione dei cittadini, alquanto risicata, sicuramente, come dicevamo prima, colpa da attribuire all’amministrazione comunale che non è stata capace di pubblicizzare in maniera adeguata l’evento. Da mesi ormai sono depositati al protocollo numerose nostre proposte che riguardano proprio la partecipazione attiva dei cittadini alla politica del Comune ancora tutt’oggi lasciate in qualche cassetto.

Venendo alla questione in particolare, erano presenti a rappresentare la Ram l’Ing. Franceschini, sig. Geito RSU per il sindacato della Ram, il dott. Davide Fidone per il Comitato dei Cittadini contro l’Inceneritore. Grave a nostro dire l’assenza degli esperti in materia ambientale nominati dal Sindaco Pino. 

La Ram dalla viva voce dei suoi esperti è stata raffigurata come una delle meno inquinanti d’Italia e d’Europa, quando è noto a tutti il dramma ambientale che esiste. Ricordiamo gli sversamenti di carburante da una delle cisterne, ora poste sotto sequestro, che ha causato ingenti danni all’ecosistema inquinando terreno, falde acquifere ed infine il mare. 

Ricordiamo altresì i blocchi avuti nel giro di pochi mesi l’uno dall’altro che hanno sversato nell’atmosfera una forte concentrazione di sostanze inquinanti. Ad oggi i dirigenti della Ram sono sotto inchiesta presso il Tribunale di Barcellona PG. Infine ancora tutti i  cittadini della Valle del Mela hanno bene impresso nella mente quel 27 settembre del 2014 famoso per quel disastroso incendio di un serbatoio.

Vista la visita alla Ram di qualche mese addietro, ci saremmo aspettati qualche intervento da parte dei
consiglieri di maggioranza che invece sono rimasti in silenzio. Fra i vari interventi dei cittadini spiccavano le
problematiche dovute, oltre ai fatti della Ram, anche alla situazione dei torrenti dove è massiccia la presenza di amianto e scarichi fognari e la presenza delle discariche a cielo aperto disseminate lungo la zona ASI e nelle varie stradine del territorio comunale. 

Assenti le risposte da parte del Sindaco giustificandosi con il classico “scarica barile”. Il Meetup Valle del Mela pretende che queste industrie rispettino il territorio, la salute dei lavoratori e dei cittadini. Pretendiamo che inizi, in accordo con il vigente Piano Paesaggistico, una riduzione degli agenti
inquinanti e una graduale bonifica della zona che riporti la Valle del Mela alla sua vera e unica vocazione.

Altresì chiediamo che si avvii una politica amministrativa di pulizia e decoro urbano tanto proclamata in campagna elettorale e ora dimenticata. 

Milazzo. Inquinamento, l'Ufficio Gip del Tribunale Traccia la Strada

L'Orientamento dell'ufficio Gip del Tribunale di Barcellona oggi è ancora più chiaro ed in linea con i dispositivi emanati in precedenza stabilendo una precisa strada di diritto e giurisprudenza ambientale. 

E' arrivato il secondo provvedimento di accoglimento alle nostre opposizioni di denuncianti rispetto alle continue richieste di archiviazione della procura sui reati delle emissioni fuggitive odorigene di gas e idrocarburi. 

E' stata sciolta la riserva assunta all'udienza del 12 febbraio riguardo alle dichiarazioni del responsabile della RAM in quanto appaiono "estremamente generiche" mentre invece le dichiarazioni rese dal direttore dell'ARPA sono positive nell'individuare specificamente alcuni eventi significanti nelle date indicate dai denuncianti compreso il sottoscritto Presidente del CAD Sociale Giuseppe Marano mentre le ulteriori indagini indicate in precedenza dallo stesso GIP alla Procura non appaiono essere state espletate. 

Pertanto si indica al PM termine di 3 mesi.

Tutto ciò per noi non può che significare la reiterazione continua e prolungata dei reati e pertanto siamo fiduciosi nell'operato dei giudici del Tribunale.

Riceviamo e Pubblichiamo
Comunicato stampa CAD Sociale di Milazzo
Dott. Giuseppe Marano 
Presidente CAD Sociale Milazzo

Milazzo. Dissesto e Molini Lo Presti, "Consiglieri Confusi, Pensano alle Carriere Politiche"

Futuro Molini Lo Presti e Dissesto, dichiarazione del sindaco Formica

Il sindaco Formica ha ritenuto opportuno intervenire nel dibattito che si è aperto all’interno del consiglio comunale a proposito del futuro dei Molini Lo Presti collegato alle vicende del dissesto del Comune di Milazzo.

“Trovo singolare – afferma il sindaco - che alcuni consiglieri comunali da una parte sollecitano l'amministrazione ad avviare percorsi per il recupero ed il riuso dei Molini Lo Presti, considerando quel bene fondamentale per il futuro della città e, dall'altro, quando le iniziative iniziano a diventare concrete, dichiarano che il fabbricato deve essere venduto per fare fronte ai debiti derivanti dal dissesto. A questi consiglieri confusi, che a ben guardare non hanno a cuore gli interessi della nostra comunità, ma pensano alle proprie carriere politiche anteponendole al bene comune, chiedo di avere il buon senso di informarsi su ciò che si sta facendo prima di lanciarsi in dichiarazioni che rischiano di compromettere il buon esito delle trattative in corso e, comunque, di chiarire la loro posizione sul futuro dell'immobile.

Allo stesso tempo – conclude Formica - tranquillizzo i milazzesi sul fatto che stiamo seguendo percorsi possibili che, anzi, se realizzati, consentiranno al Comune di conseguire nuove entrate proprio per irrobustire le casse e fare fronte ai pagamenti”.